x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

Sella Smp Dynamic, imprinting ergonomico

9 March 2015
di Aldo Micco
Ci ha regalato comfort e ci ha permesso di allungare i chilometri percorsi
  • Salva
  • Condividi
  • 1/3

    Sella smp dynamic, imprinting ergonomico

    “Designed on your body” dichiarava già nel lontano 2004 Selle Smp per descrivere le sue selle della linea SMP4BIKE,  disegnate con grande cura per rispettare l’anatomia del corpo umano e realizzate prestando grande attenzione all’interazione corpo-sella durante l’impegno atletico.

    La sella Smp Dynamic ha il rivestimento in vera pelle per la versione di colore nero, mentre per il colore bianco è stata impiega una speciale Microfibra di altissima qualità.

    Si tratta di un modello adatto alle persone con il bacino dalla conformazione medio larga e, come gli altri modelli proposti da Selle Smp, utilizzabile anche dalle donne essendo tutti assolutamente unisex. Il compito di assorbire le vibrazioni e garantire comfort è affidato all’uso di un particolare elastomero espanso, materiale utilizzato per la produzione dell’imbottitura che conferisce la miglior memoria elastica disponibile sul mercato ed un’incomparabile capacità di ammortizzo.

    Ha il canale centrale completamente libero, il nasello piegato verso il basso e l’innalzamento dello spoiler posteriore.

     

    Regolazione facile e precisa

    Lo scafo in Nylon 12 caricato in fibra di carbonio offre la necessaria solidità e flessibilità alla struttura, mentre il rail è prodotto utilizzando un tubo in acciaio inox AISI 304, lega speciale che conferisce estrema resistenza e nel contempo massima flessibilità ed elasticità al carrello. Inoltre ha scala graduata (lunga ben 80 millimetri) che permette il più ampio range di regolazione disponibile in termini di avanzamento/arretramento della sella. Questo è un particolare molto importante, in quanto permette di ottenere un adattamento molto preciso alle proprie misure antropometriche.

    La sella è corredata da un manuale di istruzioni molto ben fatto. Nella prima parte vengono descritti i principi che hanno portato alla progettazione nel reparto Ricerca e sviluppo della sua forma, mentre la seconda parte è dedicata al montaggio e alle regolazioni possibili per ottimizzare il posizionamento in base alle proprie caratteristiche morfologiche. Per esempio, per ripartire in modo adeguato il peso del corpo fra i glutei e la parte inferiore delle ossa del bacino. Quando parliamo di posizione è bene precisare che questa è legata a fattori come l’altezza della sella rispetto ai pedali, la distanza della stessa in relazione al manubrio e la sua inclinazione rispetto al terreno.

     

    L’ampia area fra il rail e lo scafo

    In prova ci è piaciuta per il comfort e per la versatilità già riscontrabili dalle prime pedalate su strada. Va da sé che non è sufficiente posizionare la sella rispettando le misure riportate dalla precedente configurazione, ma sono necessarie più uscite per apprezzare e calibrare questo nuovo elemento sulla nostra bici.

    Il lavoro di posizionamento è facilitato dall’ampia area disponibile fra il rail e lo scafo della sella. Infatti, è molto semplice posizionare la chiave esagonale per agire sulla vite che blocca la sella. Non abbiamo riscontrato i problemi tipici di selle molto rastremate.

    Il consiglio che vi diamo è di tenere presente che la particolare forma di Smp Dynamic rende un pochino più complicato l’uso di uno strumento per mettere in piano la superficie d’appoggio. Quindi, è molto più semplice effettuare questo posizionamento in sede di montaggio-base, per poi modificare l’inclinazione della sella secondo le sensazioni percepite durante l’uso.

     

    La nostra prova

    Nel corso della prova abbiamo trovato il giusto compromesso dopo tre uscite, che comprendevano percorsi misti, salite impegnative e tratti di pianura da percorrere in posizione. In particolare, abbiamo riscontrato come nei tratti di salita lo spoiler posteriore aiuta in modo determinante nell’evitare di scivolare troppo verso il retrotreno, mentre in posizione “crono” l’alleggerimento nella zona di appoggio si percepisce e influisce positivamente sul feeling della prestazione.

    Ci sentiamo di consigliare questo tipo di sella proposto da Selle Smp a tutti i ciclisti che vivono il rapporto con questo componente in modo problematico. Si tratta di un ottimo prodotto in termini di comfort, un fattore che probabilmente consentirà di allungare le ore di allenamento e, di riflesso, migliorerà le performance.

     

    SEGUICI ANCHE SU:

    NEWSLETTER

    FACEBOOK

    TWITTER

     

    © RIPRODUZIONE RISERVATA