x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

Ribot S

3 novembre 2014
di Michele Foglio
È la new entry di casa Torpado che si colloca fra i top di gamma. Una hardtail in carbonio con ruote da 29 pollici. Il nostro parere? Molto scattante quando si spinge sui pedali e stabile di avantreno
  • Salva
  • Condividi
  • 1/8 Per questo allestimento è stata scelta la trasmissione a doppia corone, 20 rapporti a disposizione per ogni situazione.

    Ribot s

    Al test bike del Salone di Padova abbiamo avuto la possibilità di provare la new entry di casa Torpado: Ribot S. Una hardtail (top di gamma!)  in carbonio con ruote da 29 pollici, pensata per un pubblico agonista ed esigente. Il telaio è caratterizzato da un carro posteriore piuttosto corto per essere un 29 pollici e un angolo di sterzo di 70°, abbastanza aperto.

     

    La geometria

    Queste due caratteristiche della geometria del telaio servono a rendere la Ribot S molto scattante quando si spinge sui pedali e stabile di avantreno. Da segnalare che il carro posteriore è stato dotato di perno passante per fissare la ruota e incrementare così la rigidità del triangolo posteriore. Un dettaglio da non sottovalutare sono i cavi del cambio passanti internamente al telaio, così come il tubo del freno posteriore sempre al riparo da possibili urti. La linea di questo telaio è sobria ed estremamente pulita grazie all’integrazione dei cavi.

    La Ribot S è piacevole da guidare perché facile, con lo sterzo abbastanza aperto che rende stabile e prevedibile la guida in discesa. Nella versione in prova, si è messo in buona luce l’impianto frenante Formula, molto potente e sempre facile da dosare.

     

    La forcella Rock Shox

    La forcella Rock Shox, nonostante non abbia avuto tempo per settarla al meglio, ha lavorato egregiamente e si è dimostrata molto scorrevole, con un bloccaggio al manubrio veramente efficiente. Si intuisce dopo pochi metri che è una bici con le corse nel Dna, scattante, pronta da rilanciare e sincera da guidare, con una geometria ben studiata. Personalmente mi sono trovato subito bene in sella, Torpado consiglia le sue bici con geometria da 29 pollici per persone alte e devo dire che, con il mio metro e novanta di statura, mi son trovato benissimo. 

    © RIPRODUZIONE RISERVATA