x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

Olympia Condor, aggredire la città

11 gennaio 2006
Olympia Condor
Olympia Condor, aggredire la città

Telaio




Fondata nel 1893, Olympia è una delle più antiche aziende italiane produttrici di biciclette. Oggi come allora le biciclette che portano il marchio Olympia si contraddistinguono per l’elevata qualità costruttiva e la ricerca del dettaglio. Una filosofia che caratterizza l’intera produzione, ma che emerge in maniera ancor più evidente nella gamma di City bike di cui fa parte il modello Condor. L’allestimento della Condor è curato nei minimi dettagli



Compo nenti e accessori sono tutti di livello superiore per offrire il massimo quanto a comfort, prestazioni e affidabilità. Particolare attenzione è stata dedicata anche alla sicurezza passiva, elemento fondamentale per chi si deve muovere nel caotico traffico cittadino.

Oltre che per la completezza dell’allestimento, la Condor si caratterizza per la presenza di un telaio assemblato con le esclusive tubazioni in alluminio idroformato di Columbus. La tecnologia hydroforming trae origini dal settore automobilistico e si basa sul principio della deformazione plastica a freddo. Semplificando, un fluido viene iniettato all’interno della tubazione la quale, a sua volta, è racchiusa in uno stampo. Il fluido viene messo in pressione fino a quando le pareti del tubo si deformano progressivamente fino ad aderire con quelle dello stampo. In questo modo è possibile sagomare a piacere le tubazioni che compongono il telaio della bicicletta, variando forma e sezione in base a specifiche esigenze strutturali.

Grazie a questo processo è possibile incrementare la rigidità complessiva del telaio senza appesantirlo con aggiunte di materiale. Ma i vantaggi offerti dalla tecnologia hydroforming non sono solamente di ordine strutturale. Anche l’impatto estetico migliora notevolmente. Le speciali nervature e la sagomatura articolata che caratterizzano le tubazioni idroformate conferiscono all’intera bicicletta un look originale e accattivante. Inoltre, è possibile realizzare esclusive personalizzazioni come, per esempio, la scritta Olympia che campeggia in rilievo sul generoso tubo obliquo della Condor.

Il telaio ha geometria di stampo classico con sloping moderato, triangolo centrale aperto e uno “standover” piuttosto elevato. Ne deriva una posizione in sella confortevole che consente di guidare col busto ben eretto senza affaticare le braccia. Il manubrio ha le estremità rivolte all’indietro ed è supportato da un attacco manubrio regolabile nell’inclinazione, con una scala graduata che facilita l’individuazione della posizione desiderata. Con queste caratteristiche l’assetto della Condor tende a favorire il comfort di marcia rispetto alle prestazioni.

Ciò nonostante, pur non disponendo di uno scatto particolarmente brillante, questa City di Olympia ha dimostrato di sapersi destreggiare bene in tutte le situazioni. Una volta rilanciata l’andatura in pianura la velocità si mantiene con una certa facilità. Lo stesso vale in salita dove la possibilità di demoltiplicare i rapporti permette di affrontare anche le rampe più ripide.

Componentistica


A garanzia del comfort, invece, troviamo l’accoppiata forcella/reggisella ammortizzati. La forcella Gps fa parte della gamma Rock shox dedicata alle City. Si contraddistingue per il sistema di funzionamento semplice dotato di 80 mm di escursione e della possibilità di regolare il precarico. Sul reggisella ammortizzato, invece, trova posto una generosa sella Royalgel ricca di abbondanti inserti in gel, particolarmente comoda per chi non è abituato a fare molti chilometri in bicicletta.


L’uso quotidiano è favorito dalla presenza dei parafanghi avvolgenti e del carter metallico copri-catena. Alle estremità posteriori i parafanghi sono muniti di due patelle antispruzzo con moderna finitura “carbon”. Per quanto concerne la sicurezza passiva, degno di nota è l’efficiente impianto di illuminazione alimentato da una dinamo elettrica integrata nel mozzo anteriore Nexus di Shimano.

Il gruppo ottico ospita, in un’unica struttura, la parabola per illuminare in profondità, un catarifrangente circolare e due piccoli led intermittenti capaci di segnalare in maniera inequivocabile la presenza della bicicletta. Analogamente a quello anteriore, il gruppo ottico posteriore è costituito da un ampio fanale di colore rosso con luce di posizione ed elementi catarifrangenti.

Completa l’allestimento un robusto portapacchi munito di cinghie elastiche di ritenzione con cui fissare il carico. Il portapacchi è munito del supporto per la piccola pompa a mano fornita di serie con la bicicletta ed è strutturato per ospitare borse laterali. Il modello Condor è disponibile anche in versione donna.

Scheda tecnica


Telaio: Columbus alluminio 7005 idroformato
Forcella: Rock Shox Gps, ammortizzata e regolabile
Guarnitura: Shimano Deore
Deragliatore: Shimano Deore
Comandi: Shimano Alivio
Freni: Shimano V-brake
Piega manubrio: Olympia
Attacco manubrio: Olympia, regolabile
Ruote: Rigida
Coperture: Michelin Transworld city (700x35c)
Sella: Royalgel Xsenium
Reggisella: Olympia ammortizzato
Impianto elettrico: a dinamo
Peso dichiarato: 16 kg
Colori disponibili: peltro metallizzato, nero metallizzato
Taglie: S, M, L
Prezzo: 749 euro
Distributore:
Cicli Olympia
Via G. Galilei, 12/A
35028 Piove di Sacco (Pd)
Tel. 049/9703000
www.olympiacicli.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA