x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

Mondiali Pista: Bronzini quinta nella Corsa a punti

18 February 2015
L'azzurra chiude quinta in una gara che si è rivelata anomala per lei. Il titolo iridato alla tedesca Pohl davanti alla giapponese Uwano, argento, e alla statunitense Geist
Mondiali Pista: Bronzini quinta nella Corsa a punti

Mondiali pista: bronzini quinta nella corsa a punti

Conclusa la prima giornata di gare al velodromo di Saint-Quentin-en-Yvelines. Nella sessione serale, l’azzurra Giorgia Bronzini ha chiuso al quinto posto nella corsa a punti (20 punti).

Le prime quattro atlete e cioè, la tedesca Pohl, vincitrice poi del titolo iridato (38 punti), la giapponese Uwano (28 punti), argento all’arrivo, la statunitense Geist (25 punti), bronzo al traguardo, sono riuscite a guadagnare un giro e assicurarsi quindi il successo. Così anche la francese Delzenne, giù dal podio per soli 2 punti. Per l’azzurra è stata una gara senza aver guadagnato nessun giro, che porta punteggi importanti ai fini del podio, ma che l’ha vista comunque protagonista con i suoi sprint. L’azzurra ha vinto infatti tre volate, tra cui l’ultima, e in due è arrivata rispettivamente seconda e terza.

Probabilmente se non avessi sbagliato la volata a metà gara, tutto sarebbe andato in modo diverso. Inoltre, quando la tedesca e la francese sono andate in fuga ho tentato di chiudere il buco tirando per oltre metà giro, poi ho chiesto il cambio perché avevo a ruota le più veloci – dice l’azzurra di quel momento che si è rivelato poi cruciale alla corsa -. Questa poi è una pista veloce ma pesante e credo di aver anche un poco sofferto i cambiamenti del calendario nelle prove di coppa. Prima, con una prova in coppa, una volta al mese circa, avevo una verifica dell’andamento con dei punti di riferimento. Oggi in gara non avevo punti di riferimento, tutte le avversarie avrebbero potuto guadagnarsi il giro”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA