x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

Mobiky Genius, il piccolo genio

20 giugno 2007
Mobiky Genius
Mobiky Genius, il piccolo genio

La bici





Nel corso degli anni di biciclette pieghevoli ne abbiamo provate molte, ma in quanto a compattezza e soluzioni originali la piccola Genius le batte tutte. Realizzata dalla parigina Mobiky questa microscopica folding bike non passa di certo inosservata. Sebbene al primo sguardo possa sembrare un po’ un “giocattolino” vi possiamo assicurare che il carattere non gli manca, anzi, di grinta ne ha da vendere e quando serve è davvero capace di fare sul serio dimostrandosi un mezzo straordinariamente agile e veloce. Quello della Genius è un progetto originale non solo nel design, ma anche nelle soluzioni tecniche impiegate nel sistema pieghevole



A differenza delle biciclette simili non adotta il classico snodo a metà telaio, bensì si pregia di un articolato insieme di leveraggi che interessano l’intera struttura della bicicletta. Il telaio della Genius si presenta come un insieme di elementi collegati fra loro attraverso degli snodi che danno origine a una struttura portante a parallelogramma deformabile. Tutte le tubazioni e gli elementi profilati che compongono il telaio sono realizzati in lega d’alluminio 6061. L’unica eccezione è rappresentata dal grosso scatolato centrale che deve assolvere il compito più gravoso, proprio per questo motivo è stato realizzato mediante un’unica fusione in lega d’alluminio.

Il sistema


La trasmissione si compone di un doppio sistema di corone studiato per assecondare la necessità di ripiegare la bicicletta su se stessa. Per mettere al riparo gli indumenti da spiacevoli sorprese la catena è interamente protetta da un carter in plastica che la avvolge per tutta la lunghezza. Stesso discorso vale per le ruote dove anche i parafanghi fanno parte dell’allestimento di serie. Dal punto di vista estetico si apprezza la scelta di lasciare gran parte degli elementi del telaio nel loro senza essere d’intralcio, ma soprattutto senza doverla sollevare di peso. Una sola rapida mossa e la Genius è pronta per seguirvi ovunque: passare dalla strada alla metropolitana, dalla stazione del treno oppure all’ufficio è un gioco da ragazzi. E quando sul cammino si presenta qualche ostacolo, come ad esempio una rampa di scale, basta impugnare la pratica maniglia imbottita in morbida gomma, sollevare la bici da terra e passare oltre.

Originale e di qualità anche l’allestimento, che si colore originale e di abbinarli a una delle cinque colorazioni disponibili di carro e forcella, così da ottenere un simpatico motivo cromatico che pone piacevolmente l’accento sul carattere sbarazzino della bici. Tra gli accessori segnaliamo la presenza di una sacca in nylon di colore nero dotata di ampia apertura con cerniera e di maniglie per il trasporto. La borsa può essere utile nei lunghi trasferimenti in treno, quando si viaggia in auto oppure, più semplicemente, per proteggere la bici nel garage di casa.

La prova


Come era logico prevedere la piccola Mobiky privilegia i fondi lisci e regolari, dove si muove con rapidità e scioltezza quasi al pari di una bicicletta tradizionale. Merito del cambio a tre velocità che consente di trovare il rapporto giusto in qualsiasi circostanza. Il fattore di demoltiplicazione tiene infatti conto della grandezza delle ruote affinché lo sviluppo della pedalata non risulti penalizzato dal minor diametro delle ruote stesse.

Dotata di grande flessibilità nelle regolazioni la Genius si adatta perfettamente alla corporatura di un gran numero di ciclisti. Senza bisogno di attrezzi, sella e manubrio possono essere regolati per dare spazio a persone di altezza compresa tra un metro e trenta e quasi due metri. Inoltre il telaio è in grado di sopportare il peso di un ciclista di 110 kg.

Scheda tecnica

© RIPRODUZIONE RISERVATA