x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

Kranj: Mattia De Marchi è secondo

2 agosto 2015
Si è chiusa con una medaglia d'argento la trasferta slovena del Cycling Team Friuli impegnato al Memorial Filipa Majena, a Kranj. Vince l'ungherese Peter Kusztor (Team Amplatz Bmc)
Kranj: Mattia De Marchi è secondo

Kranj: mattia de marchi è secondo

Si è chiusa con una medaglia d'argento la trasferta slovena del Cycling Team Friuli che ha gareggiato al Memorial Filipa Majena a Kranj (Slovenia). Gli atleti in maglia bianco-nera hanno regalato spettacolo sul circuito cittadino di Kranj, portando a casa una incoraggiante medaglia d'argento con il 24enne veneziano Mattia De Marchi (foto Riccardo Scanferla), costretto ad inchinarsi solo all'ungherese Peter Kusztor (Team Amplatz Bmc).

La corsa che vedeva la partecipazione di tutti i migliori team continental e dilettantistici Europei è stata decisa da una fuga tentata da cinque atleti: De Marchi (Team Friuli), Bozic e Stimulak (Adria Mobil), Kusztor (Amplatz) e Krizek (Felbermayr Simplon).

I fuggitivi hanno guadagnato un vantaggio massimo di due minuti sul resto del gruppo che è tornato sulla loro scia solo nei chilometri finali: nonostante il recupero degli inseguitori, Kusztor e De Marchi hanno mantenuto le prime posizioni andandosi a giocare il successo allo sprint. Da segnalare anche la buona prestazione di Simone Viero e Riccardo Bolzan che hanno tagliato il traguardo rispettivamente in ottava e nona posizione.

"Queste manifestazioni offrono grandi opportunità al nostro team. Al via c'erano i migliori team d'Europa e, grazie al grande lavoro degli organizzatori della KK Sava Kranj, sul circuito, anche oggi, era presente un foltissimo pubblico" ha sottolineato il ds Renzo Boscolo "I nostri ragazzi sono stati straordinari: De Marchi ha azzeccato la fuga giusta ma anche il giovane Matteo Fabbro si è messo in luce nella fase centrale di corsa. Se il ricongiungimento si fosse materializzato qualche chilometro prima avremmo potuto contare anche su Viero e Bolzan che hanno comunque concluso nella top-ten. De Marchi ha dimostrato una volta di più di avere le potenzialità per essere competitivo a livello internazionale: gli manca solo la vittoria, ma dopo questa prestazione non possiamo che essere fiduciosi, arriverà presto".

© RIPRODUZIONE RISERVATA