x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

Matteo Renzi e la bici

5 January 2014
Massimo Vallini
Nel suo programma elettorale si puntava alla valorizzazione della bicicletta come possibilità reale di mobilità alternativa. Ma a Firenze ha fatto poco. Forza con questo cambiamento!
Matteo Renzi e la bici

Matteo renzi e la bici

Il neo segretario del Pd si è presentato ieri alla riunione di segreteria del partito, indetta fuori sede nella città del Giglio, in bicicletta. Una singlespeed con vecchio telaio in acciaio, molto di tendenza, verniciata in blu. In altre occasioni Renzi si è presentato in bicicletta. Va di moda. Ma cosa ha fatto, concretamente, Renzi a Firenze per la bici? Nel suo programma elettorale si puntava alla valorizzazione della bicicletta come possibilità reale di mobilità alternativa. Si faranno, c’era scritto, bike sharing e rastrelliere: su uno siamo al niente, sulle altre a poco, dicono i fiorentini. “A posto” le piste? Poca roba, qualche aggiustamento al manto stradale più che altro a seguito del Mondiale dello scorso settembre. Eppure a Firenze sono in aumento i già 30 mila che pedalano “fai da te”. Potrebbero crescere ancora di più se molti non avessero paura del caos o di farsi male appena usciti dalla Ztl. Le piste ciclabili sono 60 chilometri, in realtà assai meno reali e utilizzabili. Il Patto Renziciclisti prevedeva cartelli stradali riordinati: solito niente. Sempre nel Patto, Renzi si era impegnato a spendere per la bicicletta 5 euro l’anno per abitante, è grassa se si arriva oltre i due milioni in due anni e mezzo. Il sindaco aveva concordato di rafforzare l’ufficio biciclette: lo ha eliminato. Un’altra promessa fondamentale era stata di rafforzare i collegamenti periferie centro: niente

© RIPRODUZIONE RISERVATA