x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

Mangia, muoviti, ama

30 June 2015
Redazione Ciclismo
È il nuovo libro di Luca Speciani, medico chirurgo e agronomo alimentarista creatore della DietaGift e della medicina di segnale, e Giorgio Nardone, psicoterapeuta leader della scuola di Terapia Strategica. Vengono analizzate sei patologie, sotto un punto di vista sia medico sia psicologico
Mangia, muoviti, ama

Mangia, muoviti, ama

Abbiamo iniziato a leggere mossi da una motivazione: migliorare il nostro stile di vita, per fare lo sport che amiamo divertendoci e in salute. Salute del corpo e della mente. Abbiamo cercato queste risposte in “Mangia, muoviti, ama”, edito da Ponte alle Grazie e scritto da due figure scientifiche e cliniche di spicco: Luca Speciani, medico chirurgo e agronomo alimentarista creatore della DietaGift e della medicina di segnale, e Giorgio Nardone, psicoterapeuta leader della scuola di Terapia Strategica.

Vengono analizzate sei patologie, sotto un punto di vista sia medico sia psicologico. Si parla di  ipotiroidismo, ipertensione, disturbi somatoformi, depressione, patologie allergiche o autoimmuni e sovrappeso. E il quadro dipinto da entrambi è quello di una guarigione completa che prevede tutti e due gli aspetti, quello biologico e quello mentale. L’approccio al paziente è più umano e legato alla storia personale di ognuno, meno “diagnostico e farmacologico”. Vengono considerati gli aspetti medico-biologici e quelli psicologici per arrivare a una guarigione stabile e duratura, invece che accontentarsi di una soppressione farmacologica dei sintomi.

Scritto in modo chiaro, un libro che si legge con piacere e fornisce esempi molto interessanti. Nel caso di sovrappeso si parla di ripristino del segnale leptinico, indispensabile a un vero dimagrimento che non duri solo il tempo di un fuoco di paglia. Si parla di un percorso che unisce tra medicina e psicologia, attivando un dialogo permanente sia tra medicina di segnale e psicoterapia strategica, sia tra le rispettive “reti” culturali di riferimento. Si è superata, insomma, la logica del calcolo calorico per intraprendere un nuovo approccio. E nelle tre parole del titolo sono sintetizzate linee guida essenziali: mangiare (la salute dipende in gran parte dall’alimentazione), muoversi (è fondamentale essere attivi) e amare (per essere felici e vivere con passione la propria vita, che nel nostro caso, è tutta da “pedalare”). 

© RIPRODUZIONE RISERVATA