x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

Kona Smoke, doppia personalità

30 agosto 2004
Kona Smoke
Kona Smoke, doppia personalità

Telaio





In Italia la notorietà del marchio Kona è da attribuirsi principalmente ai modelli da mountainbike, in modo particolare a quelli da discesa e Freeride. Le biciclette Kona piacciono tanto perché sanno offrire un giusto compromesso tra robustezza, affidabilità e prezzo d’acquisto. Non tutti però sanno che nel catalogo della Casa canadese non ci sono solo modelli dotati di ruote artigliate ma si possono trovare anche valide soluzioni che interessano altri settori. Valido esempio sono le sportive e anticonformiste city chiamate Dew, Dr Dew e Smoke. Quest’ultimo è il modello che abbiamo deciso di provare



Smoke è una bicicletta ibrida, destinata a muoversi in ambiente urbano, per andare al lavoro o per uscire la sera in compagnia. All’occorrenza è anche pronta a trasformarsi in fedele compagna nelle gite domenicali fuori porta. Il telaio è strettamente imparentato con quelli delle mountainbike, il disegno è compatto con uno sloping abbastanza pronunciato. È realizzato con tubazioni in acciaio, unite mediante saldature a tig. Il risultato è un telaio robusto, rigido, nonostante i tubi sottili che snelliscono la linea. La forcella è marchiata Kona.

Si tratta del modello Kona Project Two, che presenta una linea tutto sommato tradizionale. A garantire la robustezza di questo componente c’è sempre l’impiego dell’acciaio. Smoke è una city che non prevede nessun tipo di ammortizzazione. A smorzare le vibrazioni provenienti dal terreno e ad assorbire le asperità del fondo stradale ci pensano le grasse gomme slick da 1.95”, montate su cerchi da 26 pollici. Il loro lavoro ammortizzante è egregio e lo si apprezza soprattutto lungo i tratti di pavè. Le coperture Tioga City slicker pur avendo una sezione generosa sono molto scorrevoli e offrono una buona aderenza su qualsiasi fondo cittadino.

Una bici eclettica


Ma il campo di azione della Smoke non si limita solo alla città. All’occorrenza con la nera City Kona si possono percorrere in scioltezza anche le scorrevoli sterrate di campagna. Se poi si vogliono ampliare ulteriormente gli orizzonti è sufficiente dotare la Smoke di due belle coperture artigliate da mountainbike e il gioco è fatto. A patto di non esagerare, si aprono le porte anche a numerosi sentieri dal carattere un po’ più ruvido. Del resto le origini fuoristradistiche non si smentiscono.

I componenti di cui è dotata la Smoke sono votati alla semplicità e alla funzionalità. Non ci sono elementi di alta gamma, non ci dobbiamo dimenticare che siamo di fronte a una bicicletta pratica e economica, pensata per essere parcheggiata in giro senza l’assillo che qualcuno la possa fregare. E tanto per rimanere in argomento, potremmo dire che lo sgancio rapido alle ruote e sul tubo sella sono comodi, ma su una bici da città sarebbero stati più indicati dei dadi esagonali da stringere con la chiave inglese. I furti di selle e ruote non sono poi così rari.

Componenti


Dal lato accessori invece ci troviamo di fronte a una bicicletta piuttosto spartana. Non sono previste protezioni di nessun tipo. Chi vuole può richiedere i parafanghi, indispensabili per un utilizzo quotidiano. Oltre a offrire un servizio pratico, i parafanghi migliorano anche l’estetica della bici conferendole un look attraente. Un indovinato cocktail tra il moderno e il “vintage”. È un vero peccato che non vengano forniti di serie.

Il telaio della Smoke è predisposto per il montaggio del portapacchi, un accessorio da molti ritenuto indispensabile. Allo stesso modo il tubo obliquo può ospitare ben due portaborracce, uno nella parte superiore e uno in quella inferiore. Nessun problema, quindi, nelle estati più torride.

Nell& #8217;ambito della sicurezza passiva occorre segnalare che, insieme alla bicicletta, Kona fornisce anche due luci funzionanti a batteria. L’anteriore è bianca per illuminare la strada mentre quella posteriore è rossa e serve per segnalare la posizione agli altri utenti della strada.

La prima va collocata sul manubrio mediante un collarino di supporto, mentre la seconda si fissa sul cannotto reggisella in maniera analoga. La loro utilità non viene messa in discussione, anche se va detto che dal punto di vista estetico le due luci non sono un granché. Si vede chiaramente che si tratta di due accessori posticci.

Prova


Nella prova su strada la Smoke non nasconde il carattere deciso e spigliato. Il manubrio basso costringe a una posizione in sella piuttosto sportiva che invoglia a scattare agili nel traffico. L’ampia superficie di contatto offerta dalle gomme slick permette di affrontare con una certa spigliatezza anche le curve più veloci, senza aver paura di andare in piega. Il carattere rigido e nervoso del telaio viene stemperato dalla grande capacità di assorbire le vibrazioni delle voluminose coperture.

Scheda tecnica


Pedali: Kona jackshit
Sella: Velo comfort
Taglie: 14, 16, 18, 20 e 22 pollici
Peso dichiarato: 13,6 kg (taglia 18)
Colore: nero opaco
Accessori: parafanghi
Prezzo: 385 euro
Distributore
Kona Europe
Rue Honoré Labande 14 bis
98000 Monaco
Tel. 0033 79 7971860
www.konaworld.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA