x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

Il metodo Mediet abbina dieta mediterranea e attività fisica

30 marzo 2012
Dalla dieta Mediterranea il giusto equilibrio per una vita in forma nel libro “Costruisci la tua salute” che propone un nuovo metodo alimentare.
Il metodo Mediet abbina dieta mediterranea e attività fisica

Il metodo mediet abbina dieta mediterranea e attività fisica

Mediet (www.mediet.itè un metodo per mantenersi in forma. Offre la possibilità di recuperare tutto il valore dei cibi introdotti nella dieta mediterranea (pane, pasta, olio d’oliva, pesce, latte, formaggi, verdure e frutta) controllandone la qualità e quantità in favore del benessere e abbinando un’attività fisica mirata.

Studiato da un’equipe di esperti nutrizionisti, fisioterapisti e tecnici, il metodo Mediet può consentire molti benefici tra cui: miglioramento dell’efficienza psicofisica, raggiungimento di un maggiore benessere, conquista di sicurezza e autostima, mente più acuta, riduzione della massa grassa, incremento o mantenimento della massa magra, miglioramento delle prestazioni fisiche.

D’altra parte, il metodo Mediet può contribuire a ridurre il rischio di ammalarsi di: ipertensione, dislipidemie, carenze immunitarie, patologie cardiovascolari, depressione, diabete di tipo2, sovrappeso ed obesità, algie osteo-articolari, malattie neurodegenerative.

Soluzione ideale per integrare in modo salutare la dieta mediterranea e per riacquistare correttamente la forma fisica, il metodo il è anche il libro “Costruisci la tua salute” curato dai medici Ottavio Bosello e Giorgio Pasetto, e la linea di prodotti specifici, che coprono i 5 momenti della giornata: colazione, spuntino, pranzo, spuntino, cena.

 

Nella foto, da sinistra: Corrado Ridolfi (responsabile Mmarketing Proaction), Giorgio Pasetto, Ottavio Bosello, Cristian Vezzù ( amministratore Proaction). 

© RIPRODUZIONE RISERVATA