x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

Focus Raven 27,5"

14 December 2013
Redazione Ciclismo
Mantiene il carattere racing e grande reattività, è più stabile e facile sui fondi sconnessi e sassosi rispetto alla versione di 26". Perfetta per il Cross country
Focus Raven 27,5"

Focus raven 27,5"

 

La Focus, come tante aziende tedesche e in genere europee, ha puntato tempestivamente sulle ruote da 27,5". Forse per paura di rimanere un po' indietro, come invece era successo con le 29", più probabilmente perché maggiormente ispirata dalla ruota intermedia. Sta di fatto che già ad Eurobike 2012 avevano presentato la Raven  anche nella versione da 27,5". Bruciando così sul tempo i grandi produttori americani e taiwanesi che, invece, erano rimasti un po' al palo. Anche noi siamo convinti che lo standard intermedio sia talmente vicino a quello da 26" da rappresentare probabilmente una miglioria, ma non una vera alternativa, rappresentata invece dalla 29" che è realmente differente nelle prestazioni e nello stile di guida.

A breve, quindi, la scelta, soprattutto nel settore delle hardtail, verterà esclusivamente tra 29" e 27,5". Focus ha già preso la sua decisione e, siccome, la Raven 29" l'avevamo già provata l'anno scorso, addirittura in una competizione molto impegnativa con il Rally di Sardegna, abbiamo testato anche la 27,5".

 

Il telaio

Il telaio è realizzato con un procedimento  monoscocca, con fibra Ud ad alto modulo del tutto simile a quello della 29" e si caratterizza, nonostante alcune differenze, per il tipico design della Raven, introdotto già qualche anno fa con il primo modello da 26" in fibra di carbonio. Le forme, al tempo stesso sobrie e minimaliste, ma anche moderne e aggressive per via dei tratti spigolosi e delle energiche nervature, prevede  il proseguimento di linea tra tubo  obliquo e foderi verticali. Proprio i verticali, con la loro sezione particolarmente schiacciata in senso verticale, ovviamente studiata per garantire comfort e capacità di smorzamento di urti e vibrazioni al carro, è l'elemento forse più caratterizzante. Lo stesso profilo "schiacciato"  è riproposto sull'orizzontale, anche se sulla  27,5" in modo meno evidente rispetto la versione da 29". In effetti, le linee sono più simili a quelle della precedente 26" e sono apparentemente meno snelle e filanti, sia per quello che riguarda l'orizzontale sia il nodo sella e lo sterzo che appaiono più massicci. La sensazione, anche visiva, è quella di una maggiore compattezza e di una maggiore rigidità complessiva. 

Il tubo sterzo è conico con le calotte oversize della serie sterzo completamente integrate nel design elegante e compatto verticalmente del tubo sterzo. La scatola movimento, con standard Bb30, avvolge interamente le calotte e  permette di realizzare un carro largo, solido e molto rigido. Il carro, simile a quello della 26" che era già particolarmente compatto in termini di lunghezza ( 425 mm), si caratterizza anche per l'attacco freno posteriore di tipo Post-mount posizionato sul fodero basso e i drop out full carbon integrati nella struttura dei foderi.

 

Componentistica e gamma

Nonostante sia sparita la versione da 26" la gamma Raven è sempre molto ambia e consta di ben 5 versioni per il modello da 29" (con ulteriori varianti colore) e 5 da 27,5". Il range di prezzo e ovviamente di peso, è molto ampio; si parte dai 2.099 euro delle due versioni base fino ai 5.599 euro della 29 R 1.0 che ha un peso dichiarato al di sotto dei 9,5 kg. Nello specifico della gamma di 27,5", la 5.0 e 4.0 sono allestite con gruppo Shimano Slx e hanno un peso superiore a 11,5 kg, la 3.0 è montata con Xt e forcella Rock Shox Reba e pesa 10,8 kg e la 1.0, al top della gamma, adotta gruppo Xtr forcella Magura Dt 1. Ha un prezzo di listino di 4.099 euro e un peso dichiarato di 9,8 kg. La versione protagonista della prova, quindi, è la 2.0, la seconda, dall'alto verso il basso della gamma. Utilizza la Fox 32 Float 27 100 fit ctd remote evolution, con perno passante di 15 mm Qr. La trasmissione si caratterizza  per la tripla (40/32/22 x 11/36), una scelta forse non particolarmente alla moda, ma certo di grande versatilità. Sfrutta elementi Sram X.0 (cambio) e X.9 (cambio) abbinati alla guarnitura Focus/Fsa Comet Mega Exo con adattatore per lo standard Bb30. L'impianto frenante è il Magura Mt2, con disco anteriore di 180 mm e posteriore di 160 mm. Le ruote, invece, sono le scorrevoli e leggere DT Swiss XR 1501 Spline One, montate con le coperture tradizionali  Schwalbe Racing Ralph Evolution 57-584, folding. Il peso rilevato è di 10,2 kg, costa 3.399 euro

 

La prova

Conosciamo bene il progetto Raven, perché abbiamo già testato sia la versione da 29" sia quella da 26" che ormai non è più in produzione. Tra le due, francamente, preferivamo la prima. Non perché la 26" non fosse una gran bici da competizione, anzi. La bici personale di Beltain Schimd che provammo l'anno scorso ci aveva esaltato per leggerezza (ma era montata in modo più esclusivo rispetto questa versione in prova), reattività e maneggevolezza. Però riteniamo le hardtail con le "ruote piccole" una tipologia di mtb ormai veramente poco versatile e anche difficile da gestire, rispetto le ruote oversize, quindi una bici ideale quasi ed esclusivamente per il Cross country agonistico e per quei biker che, realmente scattanti e forti in salita, ne sanno anche domare l'esuberanza in discesa e sui fondi tecnici.  E in effetti, nell'intenzione della Focus e di tutte le altre aziende che propongono hardtail da 27,5", lo standard intermedio dovrebbe essere proprio l'ideale compromesso tra i due, quindi la  soluzione alternativa per chi non ama le 29".

Questa Raven è stata quindi progetta per avere quasi la stessa agilità delle bici con ruote da 26 pollici ma offre maggior comfort e stabilità. Come abbiamo potuto verificare sul campo, effettivamente le doti di maneggevolezza e reattività sono considerevoli. Quasi entusiasmanti, come invece lo erano del tutto quelle della ancora più leggera Raven di Beltain , che però richiedeva anche un "buon manico",  perché a tratti era anche piuttosto brutale sulle sconnessioni e più difficile da gestire alle alte velocità. La geometria compatta ma non in modo esagerato (il top tube è più lungo di 4 mm nella taglia M) e il telaio ben rigido, contribuiscono a determinare una significativa rapidità del mezzo anche alla 27,5", ma le ruote leggermente più grandi donano maggiore stabilita e scorrevolezza sui fondi più sconenssi. Caratteristiche ulteriormente enfatizzate dall' attacco manubrio corto (90 mm) e dalla piega curva larga 72 mm che  offrono un'impostazione più adatta sui terreni tecnici. Sull'anteriore, poi, si apprezza anche la generosità della Fox da 100 mm, d'escursione e la rigidità offerte dal granitico tubo sterzo e dal perno Qr15.

Sia chiaro, però che , soprattutto sui fondi più impegnativi, non siamo allo stesso livello della 29", né a livello di assorbimento delle sconnessioni né a livello di grip. Anche perché le coperture prescelte, utilizzate con le tradizionali camere d'aria così come le abbiamo trovate di serie, obbligano a maggiore pressione d'utilizzo rispetto a tubeless o tubolari,  e non sono il massimo sui fondo viscidi e bagnati tipici dell'autunno. Trattandosi però di "tubeless ready", come ben sanno gli agonisti, si possono facilmente "latticizzare" e utilizzare senza rischi di pizzicatura  a pressioni più basse, con relativo miglioramento di comportamento dell'intero mezzo sia in termini di assorbimento sulle sconnessioni sia in termini di aderenza sui fondi scivolosi, sassi e radici. In ogni caso il comportamento della Raven 27,5 c'è parso più equilibrato e versatile rispetto la precedente 26", anche se le caratteristiche salienti non sono state stravolte, piuttosto leggermente migliorate. Soprattutto sul posteriore, per esempio, la reattività del carro in fase di spinta è notevole e offre un'accelerazione bruciante, si paga però un po' dazio  in termini di capacità di smorzare urti e vibrazioni. E il reggisella da 31,6 mm certo non aggiunge comfort sulle sconnessioni.

Per quello che riguarda l'allestimento in prova e il peso relativo, bisogna registrare che, seppur di gamma alta, l'allestimento in questione non è al top per leggerezza. Le prestazioni in salita, soprattutto sui fondi più scorrevoli sono comunque ottime, ma non esaltanti. La Raven 26" testata l'anno scorso era esaltante, con allestimento custom del Focus Xc Italy Team, pesava quasi 2 kg in meno: è vero che si trattava di una versione ben più costosa, ma è una differenza che su questo tipo di bici in salita si avverte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA