x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

De Wallen, per urban biker

2 October 2014
Redazione Ciclismo
Il brand italiano ha presentato una collezione di pantaloni dedicata a chi pedala in città tutti i giorni, con dettagli curati (e pratici)
  • Salva
  • Condividi
  • 1/21

    De wallen, per urban biker

    De Wallen è nato nel 2012 a Milano, da un’idea di Marco Romano e Filippo Morandotti, appassionati di moda e (di bici). I primi sei mesi sono stati dedicati alla ricerca e allo studio nel campo tessile e alla realizzazione di prototipi di pantaloni.

    A giugno di quest’anno l’avventura del Pitti e la fiera The Gallery a Dusseldorf hanno sancito la presenza del brand nel mondo della moda, con ordini per l’Italia e l’estero duplicati rispetto all’anno precedente. Il 2014 ha segna un legame più stretto con il Giappone, che ha ispirato nell’ideazione e nella creazione dei pantaloni in tela Kurabo (giapponese, appunto). Questa è conosciuta per una resa unica, dal color indaco più intenso e da una texture più corposa rispetto alla classica tela denim. Inoltre, offre con il tempo a chi indossa questi pantaloni, una personalizzazione del colore totalmente naturale, rendendo così, ogni capo un pezzo unico.

    Ecco a grandi passi raccontata la storia di questo brand, che ha presentato la sua mini capsule collection in un accogliente showroom a Milano, in zona De Angeli, e che ha realizzato una linea per pedalare comodi in città.

    Per scaricare le tensioni dei muscoli adduttori

    Modelli per urban biker aggiungendo nella parte posteriore del pantalone un comodo porta bloster, utilissimo per chi della bici fa il suo mezzo di trasporto quotidiano. Cura nei dettagli, per esempio il concetto applicato di ponte per scaricare le tensioni dei muscoli adduttori e inserti riflettenti per aumentare la sicurezza..

     

    © RIPRODUZIONE RISERVATA