x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

Corone ovali Ari

27 November 2014
di Michele Foglio
Abbiamo scelto il modello Oval Race, in Ergal 7075T6 certificato con lavorazione e Cnc. La colorazione è tramite anodizzazione dura
Corone ovali Ari

Corone ovali ari

Protari è la ditta dei fratelli Arioli, con sede ad Albizzate, che produce componenti per bici da strada, mountainbike e ciclocross tra i più innovativi e ricercati sul mercato. C’è da sbizzarrirsi visitando il loro sito (clicca qui i componenti che producono sono numerosi e molto particolari, dedicati a un’utenza esperta ed esigente. Spesso sono proprio quei prodotti che mancano nel panorama della componentistica per biciclette.

 

Un'ampia produzione

Tanto per fare qualche esempio, producono pignoni aggiuntivi per trasmissioni mono corona, kit di trasformazione della trasmissione per farla divenire a corona singola, vari tipi di corone ovali per tutte le specialità, guarniture, minuterie e tanto altro.

 

La nostra scelta

Ho scelto di provare le corone ovali per bici da strada, mi hanno sempre incuriosito ma sono spesso difficili da reperire e, soprattutto, necessitano di un’apposita guarnitura e ciò determina un considerevole aumento del budget per la prova.

Per fortuna, Ari produce corone ovali per bici da strada, ciclocross, mtb e ultimamente sono state studiate delle corone ovali appositamente per bici da cronometro. Da sottolineare che le corone Ari si adattano alla perfezione alla maggior parte delle guarniture in commercio: basta comunicare al momento dell’acquisto su quale guarnitura andranno montate!

 

Si possono personalizzare

Le corone sono in Ergal 7075T6 certificato, tutte lavorate tramite macchine a controllo numerico e la colorazione viene effettuata per anodizzazione dura, con ben 13 colori disponibili. Inoltre le corone possono essere personalizzate aggiungendo il nome dell’atleta o della squadra.

Le corone, sia standard sia ovali, sono disponibili per i vari giro bulloni delle guarniture in commercio e con parecchie dentature, ma per le corone ovali esiste un numero minimo di denti della corona più piccola.

Con le corone Ari si raccomanda l’utilizzo di catene top di gamma per la loro maggior precisione di costruzione. Esistono due tipi di corone ovali da strada, le Strong e le Race: la prima è destinata all’allenamento e la seconda è pensata per le competizioni, tra le due cambia il posizionamento della parte ovale sulla guarnitura. Il top sarebbe fare una specifica preparazione con le Oval Strong per poi utilizzare le Race in gara o nel pieno della stagione.

 

La nostra prova

Partiamo col dire che le corone Ari sono di ottima fattura, si accoppiano benissimo alla guarnitura originale e la catena ingrana bene con le corone, senza creare rumori meccanici oltre la norma. Le corone presentano delle lavorazioni accurate specie sull’interno di quella grande (come si può vedere nella gallery) e queste servono ad alleggerire dove serve la corona e a favorire il passaggio della catena dalla più piccola alla più grande. Vi ricordo che è necessario alzare di un paio di millimetri il deragliatore anteriore rispetto al punto più ovale della corona esterna, fatto questo la cambiata dalla corona piccola alla grande avviene senza problemi.

 

Cosa cambia quando si pedala con le corone ovali?

Pedalare con le corone ovali è una sensazione particolare durante i primi chilometri: consiglimo di non disperare, bisogna farci la gamba, ma non ci vuole molto. Il muscolo lavora in maniera differente e sono coinvolti distretti muscolari che con le corone tonde non vengono sollecitati.

Io personalmente le ho utilizzate inizialmente qualche sera con la bici montata sui rulli ed in seguito ho fatto una prima uscita blanda in piano da 30 chilometri e successivamente ho aumentato. Le due uscite successive da 80 chilometri mi son servite per abituarmi all’ottanta per cento e con la terza uscita lunga mi sono trovato a mio agio.

 

La massima forza sul pedale

La pedalata, specie le prime volte, è particolare: si distingue nettamente il momento in cui si trasferisce la massima forza sul pedale, ovvero quando la pedivella è nella zona orizzontale, il momento migliore. Il passaggio avviene dolcemente, non c’è uno stacco secco tra questo momento ed i punti morti della pedalata. Questo sta a significare che il profilo dell’ovale della corona è stato studiato al meglio e posizionato al punto giusto, una questione di pochi gradi. Una garanzia se non volete perdere tempo ed avere dei risultati sicuri, infatti le corone Ari sono il frutto della collaborazione con un centro di studi biomeccanici (in passato ho perso parecchio tempo con delle corone ovali dotate di regolazione e settarle al meglio non è stato facile, specie se non si hanno ottime conoscenze di biomeccanica).

Altro discorso quando si passa nei punti morti durante la pedalata, con la gamba distesa o tutta sollevata: si riesce a sorpassare più velocemente tale posizione a causa della riduzione della circonferenza della corona e la pedalata accelera leggermente.

Tale situazione fa guadagnare qualche pedalata al minuto e si arriva prima al punto dove poter spingere al meglio. Questo corone consentono di utilizzare al meglio la propria potenza nel punto esatto dove serve, a patto che si faccia una specifica preparazione. Bisogna fare un ulteriore considerazione sul numero di denti delle corone: io ho utilizzato delle corone Oval Race con dentatura 35X51, esattamente un dente in più per corona rispetto alla mia compact, mi è stato consigliato così dalla ditta produttrice. In effetti dopo che la muscolatura si è abituata a lavorare con le corone ovali, lo sforzo necessario per pedalare con le corone ovali maggiorate di un dente rispetto alle tonde è pressoché uguale.

 

Per info: www.aribike.it, Protari tel. 0331993539

© RIPRODUZIONE RISERVATA