x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

Canyon Yellowstone al 29

3 July 2013
Mezzo ideale per chi ama l'hardtail, per avvicinarsi con serietà alla mountain bike vera. Ha le ruote di 29"
  • Salva
  • Condividi
  • 1/7

    Canyon yellowstone al 29

    Canyon bicycles, che ha recentemente vinto il Campionato Europeo Marathon con l'austriaco Lakata, è un'azienda tedesca, specializzata nella produzione e vendita di bici, attiva dal 1985. Anche se il marchio Canyon in realtà è stato coniato solo nel 1996. Ha sede a Coblenza (Koblenz), inn Germania, dove sono impiegati  più di 300 dipendenti rispettivamente nei settori R&D, vendite, logistica, marketing ed amministrazione.

    La sua attuale peculiarità è quella della vendita diretta al cliente, attraverso il sito internet, che consente di "saltare" la distribuzione e i punti vendita e quindi di poter vendere le bici ad un prezzo estremamente competitivo. Non per questo il prezzo è l'unica qualità di questo marchio che, grazie al notevole sviluppo tecnico degli ultimi anni, può vantare un gamma di mountainbike veramente interessante e variegata. Un esempio tangibile dell'ottimo rapporto qualità prezzo  è proprio la Yellowstone in prova. Si tratta di una mtb hardtail di 29" con telaio in alluminio. Definita dalla stessa Canyon "entry level",  viene proposta a poco più di mille euro, ma consente di praticare l'off-road più impegnativo senza alcuna remora.

    Il telaio

    La struttura è realizzata in alluminio con un design nuovo che si rifà a quello del modello superiore Grand Canyon al 29. Si caratterizza per una linea pulita e compatta, ma con forme dei tubi elaborate grazie all'idroformatura e rese più preziose di quello che il prezzo finale potrebbe fare presagire dalla anodizzazione, che crea anche un effetto lucido antigraffio. Le tubazioni sono custom a doppio spessore rinforzate in termini di rigidità e resistenza anche dalla presenza di alcuni compatti gusset, come sotto il tubo sterzo.

    L'intersezione anteriore, insieme al carro, è forse la zona più interessante: spiccano la leggera curvatura dell'obliquo e il tubo sterzo conico, con calotte oversize, che garantisce un'ottima rigidità sull'anteriore. Il carro posteriore, che misura 446 mm, ha un design piuttosto semplice ma votato alla rigidità torsionale,  inoltre ha alcuni dettagli di utile praticità, come gli occhielli sui foderi per montare un eventuale portapacchi (il tipo di bici si presta anche a lunghi raid con borse al seguito), forcellini 3-D forgiati e supporto cambio sostituibile, una soluzione pratica in caso di rottura che non sempre si trova sui telai in fibra di carbonio più costosi.

    Componentistica e gamma

    La Yellowstone al è il modello base della produzione Canyon relativa alle 29". È disponibile in due allestimenti, quello base, denominato Al 5.9 e disponibile al prezzo di 799 euro e quello  protagonista della nostra prova che è di un gradino superiore e costa 1.099 euro. Parlare di "entry level" può comunque trarre in inganno. Sia per per le caratteristiche del telaio,  sia per il il livello dei componenti utilizzati, infatti, siamo di fronte ad un mezzo decisamente adatto per un utilizzo off road di tutto rispetto, senza nessuna preclusioni in termini di efficacia, funzionalità e sicurezza. La Al 6.9 è montata con componenti di marca e di tutto rispetto, come la forcella Rock Shox Reba Rl 29" con 100 mm d'escursione, trasmissione 2x10 con guarnitura Sram Sl 100, cambio Shimano Xt e comandi Slx, impianto frenante Avid Elixir 1. Le ruote, invece, sono le Mavic Cross Ride con Schwalbe Rocket Ron o Racing Ralph.

    Due parole sul sistema di vendita: le bici si scelgono e acquistano attraverso il sito, Canyon www.canyon.com, che è disponibile in 11 lingue ed offre svariate informazioni anche di carattere tecnico. Ci sono anche strumenti on line  per il servizio e la vendita come il Perfect position system, il Bike comparator ed il Modelfinder, che aiutano a scegliere la tipologia del mezzo e la taglia in base alle proprie esigenze e alle misure corporee specifiche. La cosa importante è che esiste Canyon Italia, con sede in provincia di Verona e personale italiano che gestisce tutte le fasi di pre, post vendita e assistenza. In ogni caso i clienti hanno  diversi servizi come il diritto di reso entro 30 giorni, 6 anni di garanzia, il crash replacement, lo sconto sponsoring e diverse opzioni di pagamento.

    La prova

    Il peso, che si attesta sugli 11,5 kg, ovviamente non è tra i più contenuti, ed è l'unico elemento che denuncia il target medio di questa Canyon che, invece, per prestazioni nell'off-road, oltre che per estetica, è una bici che si attesta su valori decisamente più alti rispetto a quelle di pari prezzo. Per essere una 29" ha un assetto piuttosto raccolto, grazie al tubo orizzontale compatto e allo sloping marcato, che conferisce una posizione in sella versatile e piuttosto facile. Si ha quindi un buon equilibrio e una certa maneggevoilezza che facilita anche nelle situazioni più tecniche. Nel complesso, quindi, la Yellowstone risulta una bici molto facile da guidare, considerando sempre le peculiarità del telaio hardtail, con buone doti di stabilità anche sui fondi discretamente sconnessi.

    La struttura in alluminio, ben rigida in fase di spinta sui pedali e sull'anteriore, per la verità, non brilla per la sua capacità "ammortizzante, ma l'uso di un ottima forcella da Xc come la Reba  e delle ruote da 29", stemperano non di poco urti e vibrazioni. In salita il posteriore è bello reattivo, pronto ai rilanci e alle progressioni, ma garantisce anche un certo grip. Merito anche delle polivalenti coperture, mentre l'anteriore risulta ben preciso e sempre molto direzionale, anche sulle erte più ripide. La componentistica ha mostrato, anche in condizioni di terreno pesante e fango, tutta la sua potenzialità, sia per quello che riguarda l'impianto frenante che il sistema di trasmissione 2x10 che in effetti è piuttosto versatile da consentire di affrontare qualsiasi salita anche ai biker meno allenati: il rapporto più agile è comunque 22x36.

    La prova completa con il grafico del Centro prove sul fascicolo di Ciclismo di giugno 2013.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA