x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

Il Team Unieuro 2017

3 January 2017
Completano l'organico i giovani bulgari Stanimir Cholakov, Mihail Mihaylov e Teodor Kolev. La squadra arriva a quota 16 corridori per la stagione in corso
Il Team Unieuro 2017

Il team unieuro 2017

Nuovi contratti per il Team Unieuro che arriva a 16 atleti in forze per il 2017 con l'ingaggio dei giovani bulgari Stanimir Cholakov (Svilengrad, 17/12/1991), Mihail Mihaylov (Troyan, 19/09/1997) e Teodor Kolev (Nova Zagora, 12/09/1998).

Il primo, 185 cm per 66 kg, pedala dal 2005 ed è un atleta completo. Quest'anno terzo al Campionato Nazionale Bulgaro su strada, trascorre il tempo libero leggendo e giocando ai video games. «Ho scoperto la bici a scuola all'età di 7 anni. La mia prima corsa fu una cronometro di 5 km, finii tra gli ultimi e mi scoraggiai molto finchè non imparai ad allenarmi e le cose iniziarono ad andare meglio. Per la stagione che sta per iniziare penso solo a prepararmi a dovere per ottenere risultati soddisfacenti. Per il mio futuro sogno di correre in sella alla mia bici il più a lungo possibile».

Il secondo con i suoi 68 kg spalmati su 181 cm predilige i percorsi più impegnativi. Appassionato di macchine, moto, bici e tutto ciò che dà dell'adrenalina, nel 2014 ha vinto il GP Vitosha, nel 2015 il GP A.Shopov e il GP Uzana, oltre al titolo nazionale su pista nello scratch e nella corsa a punti, quest'anno si è laureato campione bulgaro nell'inseguimento a squadre. «Ho iniziato a correre nel 2010, grazie ad un amico. Sono uno scalatore, che ha ancora margini di miglioramento. Nel 2017, in maglia Unieuro, vorrei crescere di livello e ben figurare nelle corse under 23».

Il terzo è uno sprinter di 178 cm per 68 kg, Campione bulgaro 2016 dell'inseguimento a squadre, appassionato di pesca. «Amo la bici perché ti può portare dovunque, mi piace uscire senza pianificare una meta precisa. Il ciclismo mi fa sentire libero e dimenticare i problemi della vita di tutti i giorni. Nella prossima stagione darò il massimo in ogni gara per raggiungere il miglior risultato possibile, per me e per la squadra che ci ha dato fiducia. Seguiteci».

© RIPRODUZIONE RISERVATA