x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

Benelli Achle 29”, motore dall’ottimo spunto

27 febbraio 2015
di Michele Foglio
Benelli Achle 29”, front suspensed elettrica con telaio in alluminio
  • Salva
  • Condividi
  • 1/4

    Benelli achle 29”, motore dall’ottimo spunto

    Vi parliamo del marchio benelli: modello achle 29”

    Le biciclette a pedalata assistita stanno prendendo sempre più piede, si è cominciato motorizzando le city bike e ora si è arrivati alle più specialistiche mountainbike. Benelli Achle 29” è la front suspensed a pedalata assistita dell’azienda di Pesaro, una mtb con ruote da 29 pollici, telaio in alluminio con componentistica della casa e il motore nel mozzo posteriore.

    La grafica è sobria e il motore integrato nel mozzo non comporta particolari modifiche la telaio, se non per la batteria che viene alloggiata sul tubo obliquo. Certo, ci sono cavi elettrici in più rispetto a una mountainbike tradizionale, ma sono ben integrati al telaio e non disturbano.

     

    Allestimento shimano deore

    Il reparto trasmissione è del tutto uguale a quello di una bici classica, nel nostro caso l’allestimento Shimano Deore ha la tripla all’anteriore e un pacco pignoni a 10 rapporti.

    Un’ottima scelta in quanto se si opta per utilizzare questa e-bike come una normalissima mountainbike si hanno a disposizione rapporti a volontà per ogni pendenza e per poter compensare l’aggravio di peso dovuto al motore elettrico. All’anteriore abbiamo la forcella ammortizzata Suntour XCR-29 che con i suoi 100 millimetri di escursione riesce ad assorbire le asperità dei fondi più sconnessi garantendo un buon standard di sicurezza e guidabilità.

     

     

    In base al proprio stile di guida e al peso

    Con il registro posto sullo stelo di destra è possibile bloccare la corsa della forcella o lasciarla libera di lavorare, mentre sul sinistro si ha la possibilità di effettuare il precarico della molla, in modo da adattarsela al meglio in base al proprio stile di guida e al peso.

    Il reparto freni idraulici è composto da due dischi, rispettivamente di 160 millimetri al posteriore e 180 all’anteriore, con pompe freno e pinze che rendono molto modulabili e potenti le frenate. Il profilo baffato del disco permette di eliminare le sporco in eccesso, che altrimenti andrebbe a influire sulla frenata. Ma veniamo al motore, la parte più interessante di questa Benelli: è in grado di erogare la bellezza di 250 Watt, una potenza non da poco. Offre uno spunto considerevole nelle partenze e sulle salite. Davvero un valido aiuto, le pendenze leggere fino al 4% quasi non le sente. Più aumenta la pendenza e più il motore elettrico si trasforma in un valido supporto per chi vuole divertirsi in un giro molto lungo e non è sicuro di farcela da solo.

     

    Che comodità la modalità Pas

    Rispetto ad altre e-bike devo ammettere che questo motore aiuta veramente, inoltre è predisposta la modalità Pas che permette di procedere a passo d’uomo senza nemmeno muovere i pedali, solamente tenendo premuto il pulsante “meno” sul display di regolazione dell’assistenza alla pedalata. Praticamente è una modalità di emergenza per quando le energie sono del tutto esaurite!

    L’assistenza alla pedalata si attiva automaticamente quando il sensore sul movimento centrale legge una rotazione dei pedali, dal display si possono impostare 5 diverse modalità di aiuto. La prima è molto soft, mentre con la quinta si gode dello spunto energico che offre il motore da 250 Watt e si possono raggiungere velocità ragguardevoli in salita.

     

    Divertente da guidare in discesa

    È molto divertente da guidare in discesa, le ruote da 29 pollici riescono a filtrare le sconnessioni più importanti senza farle sentire sul manubrio mentre la forcella, con il giusto precarico, lavora bene anche nelle discese più veloci. I freni idraulici si sono dimostrati all’altezza, senza andare in crisi nonostante l’aggravio di peso dato da motore e batteria. L’assistenza alla pedalata (per legge) funziona fino ai 25 chilometri orari, come per tutte le e-byke.

     

    Mountainbike con pedalata assistita? promossa!

    Sui sentieri dove normalmente si fatica e si procede ad andature basse, con questa Achle si riesce ad avere una velocità più sostenuta al punto da richiedere una maggiore destrezza nella guida per non rallentare continuamente. La mountainbike con l’assistenza alla pedalata secondo me rappresenta una vera fonte di divertimento, avvicina a questo sport molto faticoso anche i meno preparati e permette di effettuare escursioni a lungo raggio in posti altrimenti difficili da raggiungere. I tempi di ricarica? Ho portato completamente a zero la batteria e si è ricaricata in quasi 6 ore. Ma senza arrivare fino a zero, lasciando solo l’ultima di batteria, con meno di 4 ore si effettua la ricarica completa della batteria.

     

    Scheda tecnica 

    Marca : benelli

    modello: Achle

    telaio: Benelli x-Road 7500 in alluminio

    forcella: Suntour Xcr 29”

    attacco: Benelli Forza X 90 millimetri

    freni: Benelli EBL004 idraulici a disco

    deragliatore: Shimano Deore 3 velocità

    cambio anteriore: Shimano Deore 3 velocità

    comandi cambio: Shimano Deore

    corone: 24/32/42

    reggisella: Benelli Corsa

    sella: Selle Royal Seta T1

    catena: KMC X10

    pignoni: 11-34

    pedali. Wellgo C099 Alloy

    mozzi: Quando K68F

    cerchi: Benelli Mont eDisc 29”

    motore: 250 Watt sul mozzo posteriore

    batteria: 36V 11Ah Samsung agli ioni di Litio

    coperture: Benelli IA 29”X2,1

    prezzo: 1.690 euro bici completa

    taglia: 48

    peso rilevato: 21.85 kg bici completa di pedali e batteria

    peso dichiarato: 20 kg

    Per info: www.benellibike.com

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    x