x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

Al via il Mantova Bike Festival

24 September 2015
di Gian Paolo Grossi
La seconda edizione dell'evento dedicato alle due ruote: prima gara per fixed affiliata alla Fci, percorsi cicloturistici, granfondo e ciclostorica, il bike polo, convegni, mostre e uno spazio dedicato ai bambini. E in piazza Sordello il villaggio della bicicletta
Al via il Mantova Bike Festival

Al via il mantova bike festival

Nessuna ambizione di fare concorrenza alla prova milanese del Red Hook Criterium, l'emozionante gara di ciclismo ad alta velocità per bici a scatto fisso che dal 2013 chiude ad ottobre alla Bovisa il poker di prestigiose gare internazionali. Piuttosto, il "1° Trofeo GoParc Fixed Bike" che venerdì sera (ore 20) apre la seconda edizione del Mantova Bike Festival, è un modo per far conoscere agli amanti delle due ruote una disciplina in grande crescita, che fa delle urban races sfide spettacolari aperte a tutti gli amatori: stradisti, pistard, ma anche corrieri espressi e ciclisti della domenica, per finire con gli hipster del manubrio.
 

In scena domani sera il "1° Trofeo GoParc Fixed Bike"


Quella in programma al GoParc di Bagnolo San Vito è la prima - storica - gara fixed inserita nel calendario della Federazione ciclistica italiana. Aperta ai tesserati di tutti gli enti, applica il nuovissimo regolamento adottato in estate dalla Fci in tema di gare con bici fixed e permette agli atleti amatori di gareggiare in sicurezza: nella sua pur giovane storia il mondo fixed esce dai sobborghi delle grandi città e dalla cortina di fumo delle sfide clandestine per trovare un palcoscenico ufficiale e riconosciuto. Un passo in avanti fondamentale nella crescita di un movimento che attrae sempre più giovani appassionati e che porta il ciclismo più spettacolare all'interno del kartodromo mantovano, dopo l'esperienza del novembre dello scorso anno, con il Challenge Ciclismoweb.net che vide il ritorno in bici e il successo di Alessandro Ballan. L'impianto rappresenta una sede ideale per le sfide fixed, con curve tecniche, tratti veloci e un fondo stradale che, grazie all'utilizzo di soli kart elettrici, presenta un asfalto pulito e un grip eccezionale.
"Lavoriamo a questo evento da settimane - riferiscono gli organizzatori -. La collaborazione accordataci dal Comitato lombardo della Fci e il sostegno di alcuni partner ci hanno permesso di mettere in cantiere un appuntamento che va ad arricchire l'anima sportiva della nostra città. Semplicissima la formula, che prevede una finale sulla distanza dei 50 giri e che potrà essere preceduta da alcune batterie di qualificazione. Per gli amanti dello scatto fisso è una ghiotta occasione per apprezzare il passaggio da quella che è stata una semplice ‘moda’ al concetto di vera e propria disciplina. Le iscrizioni sono aperte già da alcuni giorni sul sistema informatico della Federazione, tramite Fattore K, e stiamo avendo un buon riscontro anche dagli specialisti. Sarà una prima volta assoluta e siamo felicissimi di ospitarla all'interno del programma del Mantova Bike Festival". Per chi non ha mai visto una gara fixed è praticamente impossibile immaginarsela: per emergere servono quadricipiti d'acciaio con cui spingere al massimo sui rettilinei, abilità nell’impostazione di curve molto tecniche che disegnano angoli da brivido sul percorso, tali da costringere i corridori a rallentare e rilanciare continuamente. Ci vuole un bel fegato per sgomitare a cinquanta all’ora su strade strette e buie - quelle del Red Hook, appunto - e un pizzico di buona sorte per restare in sella fino alla fine. Anche perché le biciclette non hanno i freni, come vuole la religione fixed cui tutti i fedelissimi sono devoti.


Non solo fixed, in programma cicloitinerari e molto di più
 

A parte l’apertura dedicata alle bici a scatto fisso, sabato e domenica il Mantova Bike Festival offre un programma vario e davvero interessante. Cinque ciclotour si sviluppano nella provincia, con quello che porta al Parco Giardino Sigurtà di Valeggio sul Mincio attraverso la ciclabile Mantova-Peschiera già sold out. In un contesto di una città interamente addobbata all’insegna delle due ruote, convegni e mostre arricchiscono il bouquet delle offerte: si va dall’educazione stradale ai progetti per il cicloturismo dei parchi della provincia virgiliana, e ancora l’idea visionaria del progetto VenTo, che collega in bici Torino a Venezia, i diari di viaggi, il confronto semiserio tra ciclista sportivo e il ciclista della domenica e l’evoluzione dell’abbigliamento e della bicicletta nel mondo del ciclismo. Oppure i temi del bike sharing, la provocazione di una vita senza auto, e il rapporto tra le sport delle due ruote e il diabete, con l’importante testimonianza dello staff del team Novo Nordisk.


Bicicletta e arte, mostre e convegni

Tre artisti hanno trovato nella bicicletta un argomento comune d’ispirazione e propongono mostre sul ciclismo in miniatura, sui ritratti dei campioni e soggetti astratti del mondo delle due ruote e sulla fantasia con la quali il mezzo si trasforma in pezzi unici da collezione. Trattandosi di un evento sportivo e di promozione del mondo della bici in tutte le sue accezioni, il Bike Festival è prima di tutto un’opportunità per diffondere la cultura del più ecologico mezzo di trasporto, legandolo alle molteplici possibilità di utilizzo, senza dimenticare le attività per i più piccoli.
In fondo c’è solo l’imbarazzo della scelta: una ciclostorica di 60 chilometri definita “La locomotiva umana” in onore di Learco Guerra, con bici e abbigliamento antecedente al 1984, la “Granfondo della strada del riso e dei risotti mantovani”, le gimkane per bambini dai 4 agli 11 anni con ricchi premi e una gustosa merenda, l’esperienza-novità di provare il bike polo e la consuetudine dello spinning. Infine i Ciclisti illuminati che percorrono il centro città al calar delle ombre e la Ciclopica, insieme a presentazioni di libri, racconti di viaggi e l’immancabile villaggio della bicicletta, nella splendida piazza Sordello, dove sabato mattina alle 10,30 si tiene l’inaugurazione dell’evento. Per poter dire a tutti quelli che l’hanno voluto che ora non resta che pedalare.    


http://www.mantovabikefestival.it/index.php?lang=it
 

https://www.facebook.com/mantovabikefestival?fref=ts


https://www.facebook.com/events/149559612055590/

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA